Obbligo per i menù europei di segnalare gli allergeni

arachidiDal 13 dicembre una piccola rivoluzione colpirà la ristorazione italiana. È infatti la data ultima per l’Italia per recepire la normativa europea che obbliga gli esercenti a segnalare i principali alimenti che sono fattori scatenanti di allergie alimentari a volte mortali. Dovrà quindi obbligatoriamente essere segnalata la presenza di frutta secca, prodotti derivati dal latte, sesamo, glutine, uova, sedano, senape, molluschi, pesce, crostacei.

L’Italia ha avuto quattro anni per adeguarsi, infatti il regolamente 1169 dell’Unione europea risale al 2011, ma sono pochi i bar, ristoranti, pub e gelaterie che si sono adeguate. Ora non ci sarà più tempo per accampare scuse.

Le persone che soffrono di allergie e intolleranze alimentari sono in numero sempre crescente e questo regolamento li mette al riparo da eventuali shock anafilattici, perchè non sempre gli alimenti che provocano allergie sono facilmente identificabili nel piatto, pensiamo al largo uso di olio di nocciola che viene fatto in Piemonte e che può provocare episodi allergici anche gravi.

Gli esercenti dovranno modificare i loro menù o garantire la presenza di un addetto agli allergeni, in questo modo si potrà salavare la vita a tutte quelle persone che sono a rischio e la creatività dei nostri cuochi non verrà limitata.

 

Regolamento n 1169 dell’Unione europea