Parlamento europeo chiede maggiori tutele per le famiglie gay

bandiera lgbt Giornata storica al Parlamento europeo riunito a Strasburgo, dove con una maggioranza di 341 voti favorevoli, 281 contrari e 81 astensioni viene votato il rapporto in cui si affronta il problema dell’uguaglianza di genere in Europa. Nel documento si «prende atto dell’evolversi della definizione di famiglia».

Gli Stati vengono invitati a tenere in considerazione fenomeni come le famiglie monoparentali e l’omogenitorialità e a fare passi avanti decisivi nella lotta alle discriminazioni. Ed è di pochi mesi fa il voto positivo che abbiamo espresso per il riconoscimento delle unioni civili e del matrimonio tra persone dello stesso sesso “considerandolo come un diritto umano”. Tra le altre indicazioni contenute nel testo anche l’invito alla Commissione a promuovere nuove leggi che contengano misure vincolanti per proteggere le donne dalla violenza, in particolare dalle nuove forme di violenza come le cyber-molestie, il cyber-stalking e il cyber-bullismo.

Ora gli Stati che non l’hanno ancora fatto (tra cui lo sappiamo bene spicca l’Italia) devono rendersi conto che il mondo è cambiato e che i diritti devono essere estesi non limitati.