Ue: continua la lotta all’evasione fiscale

Il Parlamento europeo, riunito in seduta plenaria a Strasburgo, ha approvato a larga maggioranza una risoluzione della Commissione europea per una direttiva comunitaria antievasione fiscale dell’Ue.

Punto focale del testo è fare in modo che le tasse vengano pagate dove si lavora e non dove le tasse sono più convenienti per le multinazionali. Al centro del dibattito anche una maggiore trasparenza per quanto riguarda i fondi fiduciari e le fondazioni. E’ stata richiesta anche la composizione di una black list europea dei paradisi fiscali, richiedendo anche l’attivazione di sanzioni per quei paesi che non collaborano.

Il Parlamento europeo ha istituito anche una commissione d’inchiesta sui Panama Papers. Questa commissione nasce con lo scopo di esaminare eventuali infrazioni al diritto europeo in  materia di riciclaggio di capitali, evasione ed erosione fiscale.

La lotta all’evasione fiscale e ai paradisi fiscali è uno dei punti principali del programma del gruppo S&D: per abbassare le tasse tutti devono pagarle.