Ue: legalizzazione documenti pubblici non più necessaria

Il Parlamento europeo riunito in seduta plenaria a Strasburgo ha votato il regolamento proposto dalla Commissione europea per ridurre i costi e le formalità per i cittadini che devono presentare un documento pubblico (ad esempio certificati di nascita, di matrimonio o di morte) in un altro paese dell’UE.

Questo comporterà una sburocratizzazione dell’iter e un’accelerazione dei tempi per le procedure. Ai documenti saranno allegati nuovi moduli Ue multilingue, che permetteranno di non ricorrere più alle traduzioni certificate.

L’applicazione completa del regolamento negli Stati Ue è prevista per il 2019 e il processo di sostituzione delle procedure dovrà avvenire gradualmente.

Per fare in modo che i cittadini siano completamente consapevoli di queste procedure semplificate e dei nuovi moduli multilingue a disposizione, i deputati hanno approvato una disposizione che richiede alla Commissione e agli Stati membri di informare i cittadini delle nuove norme attraverso i propri siti web istituzionali e il portale e-Justice.

 

Per essere sempre aggiornati sull’Europa seguitemi

su Telegram: https://telegram.me/mbresso

su Twitter: https://twitter.com/mercedesbresso

su Facebook: https://www.facebook.com/mercedesbresso/