Immensa tristezza, ora il Parlamento Europeo reagisca e dia risposte ai cittadini

I cittadini del Regno Unito hanno scelto di uscire dall’Europa, una decisione che mi riempie di tristezza perché è il frutto di quell’onda di populismo antieuropeista che in questi anni ha voluto abbattere il sogno e il progetto che abbiamo coltivato. Il mio augurio è che Scozia e Irlanda decidano di rimanere nell’Unione Europea.

Adesso è necessaria una vasta consultazione con i cittadini europei per aprire un serio dibattito sull’Europa che vogliamo. Il Parlamento Europeo, che è democraticamente eletto, deve avere una reazione immediata e il mio impegno sarà in questa direzione: dobbiamo rilanciare le buone ragioni che abbiamo per stare insieme e dobbiamo approvare subito una risoluzione.

Non possiamo ignorare le indicazioni del voto britannico. Dobbiamo dare risposte ai cittadini anche su quelle questioni che più li preoccupano come la difesa e la sicurezza comune, ma anche sulle politiche fiscali che servono per rilanciare la crescita e l’occupazione, così come per le politiche sull’immigrazione. Un approccio e una risposta europea a queste tematiche renderebbero l’Europa più credibile e forte.