EMA: un coordinamento trasversale di eurodeputati a sostegno di Milano

L’EMA, l’agenzia europea per i medicinali, dovrà lasciare Londra, anche questa è una delle cause della Brexit; Milano ha tutte le carte in regola per candidarsi a ospitarla. Questa settimana insieme ad altri parlamentari europei italiani di tutti gli orientamenti politici abbiamo costituito un intergruppo con lo scopo di affiancare il Governo italiano nel lavoro di promozione della candidatura

Ciascuno di noi si farà carico di contattare nel proprio gruppo e nel proprio partito europeo gli esponenti degli Stati membri. La candidatura di Milano per ospitare l’Ema soddisfa tutti i parametri richiesti, come confermato dalla recente valutazione della Commissione e da quella interna all’Agenzia, ed è l’unica città tra le principali concorrenti che può garantire la continuità del lavoro dell’agenzia europea e che al momento non ha altre agenzie.

All’iniziativa, oltre a me, hanno aderito: Patrizia Toia, Elisabetta Gardini, Stefano Maullu, Luigi Morgano, Angelo Ciocca, Eleonora Evi, Marco Valli, Alessia Mosca, Lara Comi, Simona Bonafè, Nicola Caputo, Salvatore Cicu, Silvia Costa, Nicola Danti, Isabella De Monte, Elena Gentile, Alessandra Mussolini, Massimiliano Salini, Remo Sernagiotto.