Una tassa sui colossi del web per aiutare i cittadini che sono in crisi

Questa mattina sono intervenuta durante il dibattito sulla Relazione interlocutoria sul quadro finanziario pluriennale 2021-2027: «Non stiamo parlando solo di cifre e numeri, ma di persone. Stiamo parlando del lavoratore che trova aiuto nel ricollocarsi dopo aver perso il lavoro grazie alla formazione del fondo sociale europeo; stiamo parlando dello studente che riesce a studiare all’estero grazie all’Erasmus; stiamo parlando della piccola impresa che riesce a spingere investimenti e innovazione grazie al programma COSME. Stiamo parlando della vita dei cittadini europei che meritano un bilancio ambizioso, forte e adeguato a riportare l’Europa a una solida crescita. Sono lieta che il Parlamento europeo ancora oggi ribadisca il suo messaggio: per nuove politiche servono nuove risorse provenienti da fonti proprie. Quest’ultime sono decisive. Queste risorse potrebbero arrivare per esempio da una tassa che colpisca le grandi multinazionali del web e altre che potrebbero arrivare dagli abusi della globalizzazione. Diamo all’Europa i mezzi per poter rispondere alle attese dei propri cittadini senza però pesare ancora su di loro

 

Per essere sempre aggiornati sull’Europa seguitemi

Newsletter:  www.mercedesbresso.it

su Telegram: https://telegram.me/mbresso

su Twitter: https://twitter.com/mercedesbresso

su Facebook: https://www.facebook.com/mercedesbresso/